Fondamenta S. Giustina, Castello 2835 - Cap.30122 VENEZIA Tel.041.5225369 - Fax 041.5230818 Codice Meccanografico: VEIS026004  Segreteria: veis026004@istruzione.it Pec: veis026004@pec.istruzione.it
 
 
Navigazione veloce
 

Regolamento soggiorni linguistici

Il soggiorno linguistico è un’attività finalizzata all’apprendimento, all’approfondimento e al perfezionamento di una lingua straniera, allo sviluppo delle competenze linguistiche e all’esperienza diretta di un paese straniero e del suo patrimonio culturale. Prevede il diretto contatto con la realtà quotidiana socio-culturale del paese ospitante, attraverso la frequenza di una scuola qualificata e il soggiorno presso famiglie locali. Rappresenta una valida opportunità di confrontare la propria realtà e quella del paese di cui si è ospiti.

 

Obiettivi principali del soggiorno linguistico, da effettuarsi nelle due settimane di settembre precedenti l’inizio dell’anno scolastico, sono il consolidamento e l’ampliamento delle competenze comunicative acquisite, con un arricchimento della varietà dei registri linguistici.

 

Il soggiorno prevede la frequenza di un corso di lingua adeguato al livello di partenza presso istituzioni didatticamente qualificate, la sistemazione in famiglia, l’effettuazione di alcune attività culturali e ricreative in gruppo, l’assistenza degli insegnanti accompagnatori.

 

All’inizio dell’anno scolastico i docenti di lingua formuleranno le richieste da inserire nel capitolato del bando pubblico di gara per l’effettuazione dei soggiorni linguistici. Le offerte delle agenzie dovranno essere comprensive di tutte le voci di spesa (viaggio di andata e ritorno, corso di lingua in misura non inferiore alle 20 ore settimanali, alloggio e pensione completa in famiglia, trasporti locali, escursioni e attività pomeridiane e serali). I docenti di ciascuna lingua straniera esprimono inoltre al proprio interno un referente disponibile a curare i rapporti con le agenzie e a trasmettere le informazioni a studenti e famiglie. Il referente fungerà anche da accompagnatore a meno che non intervengano impedimenti che ne richiedono la sostituzione.

 

Il Dirigente Scolastico, recepite le indicazioni dei referenti, nominerà gli altri accompagnatori tra i docenti resisi disponibili, dando la precedenza a coloro che siano in possesso della necessaria competenza linguistica. Il rapporto accompagnatori/studenti ottimale dovrà riferirsi a 1:15 per soggiorno linguistico.

 

Le domande di effettuazione devono essere presentate dai referenti di ciascun soggiorno al Ds e alla DSGA entro e non oltre il 30 novembre di ciascun anno.

 

Il numero massimo di partecipanti per ciascun soggiorno linguistico è fissato a 45 studenti. Tutti gli studenti hanno la libertà di scegliere tra i soggiorni linguistici proposti. Gli studenti del Liceo linguistico hanno l’obbligo di esprimere, entro i termini indicati da apposita circolare e nella forma prescritta da questa, una scelta prioritaria e una opzione alternativa. Verrà accordata la precedenza a chi non ha mai partecipato a un soggiorno linguistico; a chi non ha mai partecipato al soggiorno linguistico in un determinato paese; a chi sceglie un soggiorno coerente con le lingue il cui insegnamento è curricolare nell’indirizzo frequentato. A parità di condizioni l’assegnazione sarà decisa tramite sorteggio.

 

Una volta raggiunta la destinazione, i partecipanti sono tenuti a mostrare interesse e partecipazione alle lezioni e a tutte le attività programmate; rispetto e capacità di adattamento allo stile di vita della famiglia ospitante; disponibilità ad interagire con la famiglia, per mettere a profitto l’esperienza sia dal punto di vista linguistico che da quello interculturale. In considerazione degli obblighi derivanti dalla partecipazione al soggiorno linguistico saranno esclusi gli studenti il cui comportamento nel corso dell’anno scolastico sia stato sanzionato con note disciplinari o con voto di condotta inferiore all’otto.

 

Le spese organizzative e i costi del soggiorno degli insegnanti sono a totale carico delle famiglie dei partecipanti. Le eventuali gratuità messe a disposizione dalle agenzie verranno utilizzate per coprire tali spese.

 

In caso di rinuncia varranno le modalità di rimborso stabilite dalle agenzie di viaggi organizzatrici.

 

La mancata ammissione all’anno scolastico successivo non può costituire di per sé motivo di rinuncia che giustifica il rimborso di quanto versato. Per avere diritto al rimborso è necessario sottoscrivere una polizza assicurativa che copra il rischio del mancato viaggio.

 

Per la partecipazione al soggiorno linguistico vengono richieste:

  • adesione e dichiarazione di responsabilità;
  • pagamento delle rate previste dalla scuola alle scadenze previste e comunque prima della partenza del viaggio;
  • comunicazione obbligatoria (e riservata) ai docenti accompagnatori in riferimento ad allergie, problemi di salute, cure mediche in corso, necessità di diete particolari.